Hydrotherm Busto Arsizio-Milano3 Basiglio 59-56 (23-26; 35-39; 53-46)
BUSTO: Arui 12, Borsani 7, Preatoni 7, Ferrario 2, Ramazzina R. ne, Badalotti ne, Marghella, Portaluppi 3, Gambaro 4, Azzimonti 24. All. Nava. 
MILANO3: Abellera 6, Delos Reyes N. ne, Cinquepalmi 10, Sorrentino 9, Delos Reyes R. 12, Mori 6, Granato ne, Chiesa 3, Valdameri, El Rawi 2, Ferrari, Bonora 8. All. Frausini.

BUSTO ARSIZIO – L’Hydrotherm centra il terzo successo consecutivo e allunga a quota ventisette la serie positiva interna. Gara tutt’altro che semplice quella contro la giovanissima Milano3 allenata da Matteo Frausini, formazione tonica, vivace e ben organizzata. Ma, dopo un avvio da mani nei capelli – 20 punti subiti nei primi 6’ di gioco, 26 al termine del primo quarto – , la squadra di Gianni Nava riesce a far valere la propria forte identità difensiva, subendone 31 nei restanti tre quarti, e avendo la meglio grazie a un’unica accelerazione, quella che sul finire del terzo quarto (12-0 il parziale) riesce a ribaltare finalmente l’inerzia della gara. Il tutto nonostante una non brillantissima prestazione offensiva, soprattutto dall’arco dei tre punti (2/21 complessivo), e i problemi alla caviglia di Arui che hanno limitato il playmaker scuola Legnano.

Dopo il 2-0 di Azzimonti, gli ospiti sbagliano poco o nulla nelle successive azioni offensive, andando a segno soprattutto dalla media distanza con tiri poco contestati dalla difesa biancorossoblu (4-8 al 2’). Quando puoi agli adepti di Sandro Pugliese iniziano ad accendersi anche da fuori, la situazione si fa preoccupante. Una-due-tre-quattro-cinque triple nel giro di altrettanti minuti a firma Delos Reyes (2), Cinquepalmi, Sorrentino e Bonora. Dopo il -7 del 6’, serve un super Edo Azzimonti (12 nel primo quarto; alla fine 10/20 da 2, 19 rimbalzi) per rimanere almeno in scia (23-26 al 10’). Un libero di Portaluppi (1/6 dal campo, ½ in lunetta) è l’unico sussulto bustocco in avvio di seconda frazione; due bei centri di Mori permettono così agli ospiti di portare il vantaggio in doppia cifra (24-34 al 15’). Fortunatamente il 2/2 di Preatoni (2/5 da 2, 0/5 da 3, 3/4 ai liberi), un centro dalla lunetta di Azzimonti per il tecnico sanzionato alla panchina basigliese e i primi punti di Arui (4/8 da 2, 1/10 da 3, 6 recuperi e altrettante perse, 4 assist) riportano subito in scia l’Hydrotherm (30-34 al 17’; 35-39 al 20’).

Nella ripresa Milano3 va via via spegnendosi in attacco, sopraffatta dalla difesa guidata da capitan Gambaro (1/2 da 2, 2/4 ai liberi e soprattutto 17 rimbalzi e 4 recuperi). Dopo il 41-41 del 23’ e dopo le ultime cartucce sparate dagli ospiti (41-46 al 26’), l’Hydrotherm piazza la zampata vincente: 12-0 negli ultimi tre giri di lancetta della terza frazione. Il parziale, condito da due belle penetrazioni di Arui, è chiuso dalla tripla allo scadere di Borsani (2/5 dal campo) che vale il 53-46 del 30’. Nella frazione conclusiva si segna poco, anzi pochissimo (6-8 il parziale) e ai ragazzi di Gianni Nava basta la solita zingarata in area di Arui quando manca un minuto e mezzo alla fine per poter far bottino. Gli ospiti avrebbero il tentativo del pareggio negli ultimi secondi di gara, ma falliscono e lasciano aperta la striscia positiva interna di Busto.

«Partita molto difficile, prima di questo dicembre che si annuncia complicato visto che affronteremo squadre con buona classifica e che hanno caratteristiche, come quelle di Milano3, contro cui facciamo fatica. E’ un concetto che ho spiegato anche ai ragazzi, forse qualcuno ha pensato potessimo vincere facilmente come contro Vittuone. Invece, soprattutto in una serata in cui abbiamo tirato male da tre punti, Basiglio ha saputo metterci in difficoltà. Abbiamo vinto però grazie alla voglia, all’energia e alla determinazione che abbiamo speso dal secondo quarto in poi. Ora ci aspetta la difficile trasferta di Rovello, che sarà arrabbiata dopo la sconfitta di Cassano, e lo faremo senza Gambaro, non presente per problemi di lavoro, e con Arui ed Azzimonti da valutare nei prossimi giorni». 

Va tra l’altro sottolineato che il prossimo appuntamento, quello a Rovello Porro appunto, è stato anticipato a mercoledì 6 dicembre.

I RISULTATI (11° turno): Cassano-Rovello 77-75, Castronno-Vittuone 95-77, Luino-Cantù 66-73, HYDROTHERM BUSTO-Milano3 59-56, Legnano-Robbio, Daverio-Voghera, Casorate-Buccinasco, Boffalora-Lentate.
LA CLASSIFICA: Cantù 18; Lentate*, BUSTO 16; Voghera*, Luino 14; Boffalora*, Robbio*, Rovello 12; Buccinasco*, Castronno 10; Milano3, Casorate*, Daverio* 8; Cassano 6; Legnano* 4; Vittuone 0.