Hydrotherm Busto Arsizio-Virtus Cermenate 66-50 (19-19; 23-27; 45-39)
BUSTO: Novati 6, Grampa 4, Vai 13, Fedrigo 10, Tagliabue 8, Caggiano 5, De Franco R. 1, De Franco F. 4, Croci 15, Azzimonti ne, Chiesa. All. Nava.
CERMENATE: Broggi 2, Banfi M. 10, Pellizzoni 11, Anzivino 5, Terreni 8, Masocco 3, D’Appolito 2, Banfi F., Verga, Colombo 9, Squarcina. All. Mazzali.

BUSTO ARSIZIO – L’Hydrotherm fa valere ancora una volta la dura legge del PalaDrago. Seppur con un’altra partita a due facce, i biancorossoblù incassano due punti molto importanti per rimanere al comando della classifica, questa volta con la sola Lissone, capace di limitare il potenziale offensivo; stop d’arresto, invece, per Saronno nel derby di Gallarate.

Seppur ancora senza Atsur e capitan Azzimonti, il primo in borghese e il secondo in panchina per onor di firma ma entrambi fuori uso per una forte influenza, la squadra di Gianni Nava fa valere le proprie spiccate doti difensive per avere la meglio di Cermenate e tornare così al successo dopo il passo falso di Cantù. Ennesima buona prestazione corale dei biancorossoblù, anche a dispetto di un numero impressionante di palle perse (15 sole nel primo tempo) e percentuali sotto la sufficienza, andate via via migliorando nel corso dell’incontro.

Busto prova a fare l’andatura nel primo quarto, ma Cermenate rimane costantemente in agguato e aggancia proprio sulla sirena – forse anche oltre… – con un siluro di Pellizzoni (19-19 al 10′). La seconda è una delle frazioni peggiori giocate dall’Hydrotherm quest’anno, costellata da palle perse a ripetizione e una via del canestro che i bustocchi faticano a trovare. La Virtus, così, riesce anche ad andare al riposo con una manciata di punti di margine (23-27 al 20′). Fortunatamente nella ripresa arriva la reazione: sull’asse Novati-Fedrigo arriva quasi subito il sorpasso, poi, blindando l’area e prendendo il controllo degli “spazi aerei” (55-31 il bilancio finale a rimbalzo), l’Hydrotherm non fatica a prendere l’inerzia della gara. Importante l’energia difensiva di Vai e Croci, con quest’ultimo che riesce spesso a pungere anche sul fronte offensivo e alla fine risulterà il miglior marcatore dell’incontro. Con un gruzzolo di vantaggio che viaggia spesso in doppia cifra, nell’ultimo spicchio di gara c’è spazio, oltre che per un sempre più a suo agio Caggiano, anche per Riccardo De Franco e Chiesa.

L’intervista di fine partita a Nicolò Croci: https://www.facebook.com/basketbustoarsizio/posts/2758193637572353

I RISULTATI: Busnago-Nerviano 71-82, Rovello-Legnano 79-86, Gallarate-Saronno 73-67, Valceresio-Cantù 54-77, Lissone-Mortara 80-60, HYDROTHERM BUSTO-Cermenate 66-50, Calolziocorte-Gazzada 86-60, riposa Desio.
LA CLASSIFICA: BUSTO, Lissone 28; Saronno 26; Desio*, Gallarate 22; Mortara 20; Legnano, Nerviano 18; Rovello, Cantù 16; Gazzada* 12; Cermenate* 10; Busnago 8; Calolziocorte, Arcisate 4.