L’Hydrotherm torna da Scopello ancora più unita. Indolore, ovviamente, la sconfitta di misura (65-69) contro Biella (C Gold Piemonte) nell’amichevole che ha chiusa la tre-giorni di allenamento e “team-building” in Valsesia.
Parole di soddisfazione per coach Stefano Gambaro al termine dell’intenso weekend:
“L’amichevole – commenta il tecnico dei biancorossoblù – arrivava alla fine di giorni di allenamento molto duro e avevamo le gambe particolarmente pesanti. I nostri avversari, invece, arrivavano più freschi. All’inizio abbiamo avuto un po’ di problemi a “scaldarci” e a “rompere il fiato”, poi però siamo cresciuti e non abbiamo fatto affatto male. Abbiamo perso solo il primo quarto, chiusosi 23-11 e caratterizzato da diversi tiri che non sono entrati e facendo un po’ di fatica in difesa a tenere i loro uno contro uno. Poi però ci siamo sbloccati, iniziando a giocare più insieme, soprattutto dietro. In attacco siamo riusciti a produrre buone azioni, seppur alternati a qualche errore; non dimentichiamoci però che abbiamo tanti giocatori nuovi.
Siamo solo all’inizio della stradata, dobbiamo ricordarcelo. Lo dico sia alla squadra che parlando con la dirigenza, ma quello che più importa e che fino a oggi nei ragazzi ho visto tanta buona volontà e un atteggiamento super, sia in campo che fuori dal campo. Il gruppo si sta formando, per i meccanismi in campo stiamo lavorando per farci trovare pronti quando cominceremo.
Sono contento del ritiro, di quello che abbiamo fatto. Oggi abbiamo un giorno di pausa, da domani ci ritroveremo in palestra per riprendere la lavorare, per migliorare e continuare sulla strada già intrapresa in queste prime settimane di preparazione”.