Passato prestigioso, presente promettente sperando in un futuro brillante e luminoso. Gli eroi del passato e quelli che ci auguriamo possano ripeterne le gesta. Da Sergio Crespi a Edoardo Azzimonti, da Claudio Lesica a Daniele Benzoni: tanti i protagonisti di una serata che ha permesso di presentare la AB 2021/22 che affronterà con ambizioni il campionato di C Gold e riabbracciare e celebrare l’Omega Bilance che arrivò a sfiorare la Serie A quaranta anni fa. Il tutto nella calorosa cornice del Wolf Pub, partner ufficiale della nostra società. Una grande sfilata per gli attuali biancorossoblù e le glorie gialloverdi.

La sapiente, esperta e coinvolgente voce di Giovanni Castiglioni ha fatto da filo conduttore. Il gustoso e un po’ piccante aperitivo l’hanno “portato” il sindaco Emanuele Antonelli e l’assessore allo sport Laura Rogora, facendo scherzosamente riferimento all’esordio in campionato che vedrà Busto opposta ai “cugini” di Gallarate.

Poi via alla presentazione e alle parole degli artefici di questa avventura che ci attende, dall’entusiasmo del gm Alessandro Bonicalzi alla concretezza del ds Alberto Grassi, dall’eleganza dello sponsor Tiziano Barbera al pragmatismo di coach Alberto Mazzetti (insieme al suo staff composto da Daniele Piccolo, Davide Testa, Riccardo Negri e l’assente più che giustificata Marta Dell’Agnolo). La B come sogno massimo, apice di un progetto concreto nato nel corso della ultima estate che però, per essere realizzato, dovrà passare da lavoro in palestra, organizzazione, voglia di vincere e coesione di gruppo.

E’ stata poi la volta dei ragazzi, i volti di chi sarà chiamato ad appassionare i cuori dei tifosi bustocchi, da, in ordine di presentazione, Banfi ad Albique, con chiosa finale di capitan Azzimonti. Eccoli qui, durante la serata: https://www.youtube.com/watch?v=tkIdqYv3ZQI

Infine il momento delle emozioni più forti, ricordi di tempi che furono, di istanti magici che ci piace riassumere con le lacrime di Paolo Galli, a quel tempo vice di Franco Passera, commosso di poter riabbracciare i compagni di quelle avventure che portarono la Bustese dalla Serie D a pochi passi dalla A2. Ad aprire le danze e a raccontare i compagni in gialloverde è stato un Claudio Lesica per cui gli anni sembrano non essere passati. Poi i coach e tutti i “ragazzi” che componevano quella «squadra irripetibile», come l’ha definita Enrico Salomi, fautore insieme a Giorgio Tosi e al nostro Alessandro Reguzzoni di questa splendida rimpatriata: Fredi Bessi, Franco Martinoni, Sergio Crespi, Merlin, Nando Passera, Lepori, i “giovani” di allora Carlo Speroni, Roberto Landini, Carlo Caccia, Paolo Della Vedova e Gianluca Castiglioni e, infine, Massimo Lucarelli. Con loro il presidente provinciale della FIP Pietro Tallone, oltre che memorie storiche del nostro basket Aldo Albanesi, Carletto Cattaneo e il “mitico signor Ratti”.

Giovanni Ferrario – Ufficio stampa Basket Busto Arsizio