AB Busto Arsizio-Milano3 74-55 (19-17; 40-29; 58-45)
BUSTO: Niang, Benzoni 17, Banfi 5, Gentili 10, Albique 9, Azzimonti 4, Alesina, Salem 4, Romanò 4, Tosto, Kulevicius 21, Alberti. All. Mazzetti.
MILANO3: Alfieri, Cinquepalmi 5, Mori 6, Iacono 14, Musumeci, Tosi 2, Valdameri, Colombo 8, Turin, El Rawi 4, Tandoi 16, Bonora ne. All. Pugliese.

BUSTO ARSIZIO – L’AB si sblocca. Alla prima davanti al pubblico amico del PalaDrago, la squadra di Mazzetti supera con Milano3 al termine grazie a una discreta prestazione. Qualche sbavatura ma anche tanto di buono nella gara dei biancorossoblù, che fanno un passo avanti rispetto alla sconfitta con Gallarate e, alla distanza, superano il team basigliese.
Ospiti arrivati in terra bustocca con le rotazioni limitate dagli infortuni dell’ex Pall.Varese Bertoglio e di Bonora, padroni di casa che invece riattivano Azzimonti e recuperano Gentili e Benzoni. Busto fa costantemente gara di testa, eccezion fatta per alcuni brevissimi scampoli di partita (l’ultimo in avvio di seconda frazione sul 20-19), ma distanzia definitivamente Colombo e soci solo a cavallo del terzo periodo. L’11-2 del 4′ è prontamente annullato da Cinquepalmi e Tandoi (12-12 al 7′) oltre che grazie alle consuete alchimie tattiche della panchina milanese. Busto fatica a sfondare dal centro con i picknroll e non trova continuità al tiro (10/30 dal campo nel primo tempo), ma, con buona applicazione nella propria metà campo e le iniziative di Benzoni (oltre che il positivo rientro di capitan Azzimonti), la forbice si allarga fino alla doppia cifra e il massimo vantaggio dei 20′ iniziali arriva proprio un attimo prima dell’intervallo lungo.
La ripresa va un po’ a strappi, con Milano3 che è capace di dimezzare più volte lo scarto e Busto che, con un Kulevicius rinvigorito (1/7 al tiro fino al 20′, alla fine 5/14 in “movimento” e 10/15 in lunett), riesce anche a riallungare. Albique (9+12 al termine) alla lunga ha la meglio nel pitturato dei dirimpettai biancorossi, Banfi è “silente” e utile, Ben Salem e Romanò si danno da fare a rimbalzo (9 pro capite). Il +13 del 30′ è un margine che fa guardare all’ultima frazione con fiducia; Milano3, che perde per falli prima Cinquepalmi e poi Mori, non riesce a trovare l’exploit dalle sue stelle e, via via, si allontana, lasciando che Busto allunghi ulteriormente fino al +19 conclusivo.

I RISULTATI: Gazzada-Varese Academy 72-63, Opera-Nerviano 63-82, Valceresio-Gallarate 62-86, Mortara-Saronno 71-60, BUSTO-Milano3 74-55.
LA CLASSIFICA: Nerviano, Gazzada, Gallarate, Mortara 4; Saronno, BUSTO 2; Valceresio, Milano3, Varese, Opera 0.

L’intervista di fine partita a coach Mazzetti e a Luca Albique: https://youtu.be/jqvYIyrMl1M